fbpx
0883 480846 info@sedimurotravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
0883 480846 info@sedimurotravel.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Albania classica in 9 giorni da Tirana | Albania

0
Prezzo
Da€ 1,014
Prezzo
Da€ 1,014
Nome e Cognome*
Indirizzo email*
Il tuo messaggio*
Salva nella lista dei desideri

Adding item to wishlist requires an account

118
9 giorni / 8 notti
Disponibilità: Dal 08/01/2022 al 17/12/2022
Aeroporti collegati
Tirana

Albania classica in 9 giorni da Tirana

TIRANA – SCUTARI – KRUJE – KORCA – PERMET – GJIROKASTRA – SARANDA – BUTRINT – BERAT
Il tour speciale alla scoperta delle principali città ed attrazioni di Albania assolutamente da visitare durante il viaggio. L‟itinerario prevalentemente storico, ma dove si potrà ammirare il bellissimo paesaggio e conoscere meglio la vita delle popolazioni locali, dal castello di Rozafa, museo di fotografia più importante dell‟Albania, attraverso la fabbrica delle maschere veneziane, bellissimo parco Drilon, l‟antica città greco-romana e fino alle fortezze di Porto Palermo e Berat.

 

SCARICA QUI IL PROGRAMMA PER LE DATE E QUOTE

Cosa è incluso
  • Autobus moderno durante tutto il viaggio
  • Guida turistica parlante italiano durante tutto il viaggio
  • Sistemazione in hotel di categoria 4* con prima colazione
  • Tutti i biglietti d’ingresso ai luoghi indicati nel programma

Itinerario

1 GIORNO Tirana
Arrivo all’aeroporto di Tirana, capitale dell’Albania.
Trasferimento e sistemazione in hotel.
Pernottamento.

2 GIORNO Tirana – Spac Prison – Shkoder (206km)
Prima colazione in hotel. Visita guidata della città con la sua Piazza Skanderbeg, il centro della capitale albanese, dove sono di interesse la Moschea Et’hem Beu, l’Opera, il Campanile, il Museo di Storia Nazionale e altri ministeri di influenza italiana. Prima di arrivare a Scutari ci fermeremo per la visita della “Prigione di Spac”. “La prigione di Spac” era un famigerato campo di lavoro istituito nel 1968 dal governo comunista albanese presso il sito di una miniera di rame e pirite, in una zona remota e montuosa nel centro del paese. Sebbene solo uno di molti di questi siti, i prigionieri politici detenuti a Spaç includessero alcuni dei più importanti intellettuali albanesi del XX secolo, garantendogli un posto speciale nella memoria collettiva di quell’epoca. Il sito del campo di lavoro, su un pendio terrazzato sotto gli ingressi del tunnel della miniera, era così remoto e spietato che non era necessario alcun muro perimetrale per proteggere il complesso, solo una recinzione di filo spinato punteggiata da occasionali posti di guardia e un cancello d’ingresso. L’artista franco-albanese Maks Velo, che fu preso in custodia nel 1978 e condannato a dieci anni di reclusione a Spaç, in seguito, lo descrisse come „‟il campo più terribile in Europa e credo nel mondo durante questo periodo‟‟. Continuiamo per Scutari. Scutari è la città più importante dell’Albania settentrionale e una delle più antiche del paese. Si pensa sia stata fondata intorno al IV secolo a.C. Visiteremo il Castello di Rozafa ricostruito durante la dominazione veneziana nel XIV secolo, dal quale si può godere di un panorama spettacolare. Di seguito, visiteremo “Marubi, Museo nazionale della fotografia”. La collezione fotografica Marubi cattura e documenta la storia dell’Albania settentrionale dalla Lega di Prizren in poi. Contiene affascinanti fotografie di capi tribali, insurrezioni degli altopiani, vita cittadina a Scutari. Cena libera. Pernottamento in hotel a Scutari.
– Visita della sede mondiale della comunità Bektashi, la piazza Skanderbeg, il museo nazionale di storia, la moschea E’them Bey, la torre dell’orologio, ecc. / Visita del prigione di Spac, un famigerato campo di lavoro istituito nel 1968 dal governo comunista albanese nel sito di una miniera di rame e pirite, in una zona remota e montuosa nel centro del paese. / Visita del Castello di Rozafa, ricostruito durante il dominio veneziano nel 14° secolo. / Visita di “Marubi, Museo Nazionale della Fotografia”.

3 GIORNO Shkoder – Kruje (83km)
Prima colazione in hotel. Un altro luogo che visiteremo a Scutari è la “fabbrica Venice Art World”. Le maschere veneziane realizzate a Scutari sono tutte realizzate artigianalmente. Combinano tecniche tradizionali con nuove decorazioni contemporanee. Le maschere hanno dettagli intricati, colori vivaci, piume fantasiose, foglie d’oro e cristalli che le rendono pezzi d’arte unici. Le maschere vengono esportate in tutto il mondo e vendute in sei negozi a Venezia. Volto, Colombina, Bauta, Arlecchino, Zanni, Cruise Mask e molti altri modelli di maschere ornamentali si possono trovare presso la bottega dell’imprenditore di successo
Edmond Angoni. Solo pochi tra quei tre milioni di visitatori che si trovano a Venezia durante i carnevali possono sapere che alcune delle migliori maschere fatte a mano vendute in Piazza San Marco sono un prodotto artigianale Made in Albania. L’altra destinazione della giornata è Kruje; un borgo medievale situato a 560 m sul livello del mare. Si trova sul fianco della montagna dove si può ammirare il bellissimo orizzonte. Visita nella fortezza della città, al suo interno è da visitare anche il Museo Etnografico. Successivamente visita ad una tradizione artigianale albanese, sosta per la visita alla “fabbrica Qeleshe”. Questo copricapo è stato combinato con abiti appropriati ed è ora un simbolo popolare del costume popolare albanese. Negli ultimi anni hanno iniziato ad essere molto apprezzati durante le feste nazionali in Albania e Kosovo, o da indossare e durante importanti eventi sportivi. Gli artigiani di Kruje continuano fedelmente la tradizione seguita da generazioni, e nel vecchio Bazaar è quasi impossibile resistere alla tentazione di provare “qeleshe” e scattare foto con esso. Qui avremo una discussione con uno dei responsabili della produzione del portello dove impareremo le fasi di lavoro per estrarre il prodotto finale e conosceremo la storia di come è iniziata questa attività. A Kruje, ci sono alcuni degli stilisti più illustri in Albania che finiscono per tessuti, tappeti di rara fattura e combinazioni di colori con motivi di fabbro nazionale. In tutto il bazar vedrai esposte alcune delle loro migliori opere, oltre a discutere con gli artigiani se hai qualche preferenza particolare. Cena libera. Pernottamento in hotel a Kruje.
– Visita della “fabbrica Venice Art World” a Scutari, le maschere veneziane realizzate a Scutari sono tutte realizzate a mano. Combinano tecniche tradizionali con nuove decorazioni contemporanee. / Visita della “fabbrica Qeleshe” a Kruja, visita alla fortezza della città, al suo interno è da visitare anche il Museo Etnografico.

4 GIORNO Kruje – Tushemisht (Drilon‟s Park) – Korca (208km)
Prima colazione in hotel. Oggi la strada conduce alle rive del lago di Ohrid, uno degli antichi laghi d’Europa. Ci fermiamo al Drilon Park e al villaggio di Tushemisht per conoscere meglio la vita delle popolazioni locali, come affrontano le condizioni di vita, le opportunità e la loro dedizione nell’accogliere i turisti nelle loro case e nei loro ristoranti. Anche Drilon’s Park è un posto fantastico per scattare foto molto belle. Lì avremo un pranzo facoltativo in un ristorante locale noto per il piatto tradizionale della zona che si chiama: Corano
“Corano” Degustazione a pranzo di uno dei pesci più antichi del mondo che è sopravvissuto ai Secoli e vive e cresce solo nelle acque del Lago Pogradec (Ohrid), quindi è pesce endemico albanese. Il Corano ha carni bianche; la sua carne è molto gustosa con un alto contenuto di vitamine e minerali; i suoi valori crescono appena cotti. Molti turisti locali e stranieri sono interessati a guardare, studiare e fotografare. (Supplemento 33 euro/persona)
Guidiamo fino alla città di Korca. All’arrivo in città iniziamo il nostro tour della città a piedi per vedere i simboli della città. “La prima scuola albanese” è la prima scuola laica di lingua albanese nei territori albanesi al tempo dell’Impero ottomano. Ha aperto il 7 marzo 1887 a Korça alla fine dell’impero. Ora l’edificio scolastico funge da museo e si trova a nord di St. George’s Boulevard. L’apertura della scuola è avvenuta a seguito del Movimento nazionale albanese volto a consentire i diritti nazionali all’interno dell’Impero ottomano. La scuola era un centro di educazione culturale e patriottica, la sua importanza è di particolare valore in quanto la scrittura della lingua albanese non era consentita dopo gli eventi della Lega di Prizren. La sua data di apertura è celebrata dagli albanesi come „‟Giorno degli insegnanti‟‟. „‟Cattedrale ortodossa „‟Resurrezione di Cristo‟‟, il simbolo della Società ortodossa albanese, dove molte persone nei Balcani visitano Korca ogni „‟Oriente‟‟. Una precedente cattedrale di Korçë intitolata a San Giorgio fu distrutta dalle autorità comuniste nel 1968. All’interno, il modesto interno bianco è dominato da un’enorme iconostasi in legno scolpito. „‟Il Vecchio Bazar‟‟ è un oggetto di primo valore storico, culturale e artistico. È caratterizzato da un edificio a uno e due piani, stretti vicoli di uno stile costruttivo che attira l’attenzione dei visitatori. Nei secoli passati il bazar è stato sede di scambi commerciali provenienti dalla Turchia, dalla Grecia, da Trieste e da Venezia. „‟Museo nazionale di arte medievale„„. Questo museo è in armonia con l’atmosfera della tradizionale costruzione della città del sud-est. All’interno, i suoi colori, di straordinaria maestria, sono ancora adornati da centinaia di oggetti secolari che la riempiono. I colori sono il fattore chiave di questo museo, le cui sale sono così vicine agli oggetti in mostra che gli occhi beneficiano di un’esperienza rara e preziosa. Autenticamente progettato dagli architetti tedeschi Bolles + Wilson, la suddivisione del museo in „‟esperienze diverse‟‟ restituisce la visita a questo museo in un viaggio con potenti esperienze consecutive. Le icone sono dipinte da pittori famosi: Onufri, NikollaOnufri, Onufr cipriota, Maestro Costantino, Jeromachus, Shpataraku, Selenica as; fratelli Zograf ecc. Cena libera. Pernottamento in hotel a Korca.
– Visita del bellissimo Parco Drilon e il villaggio di Tushemisht a Pogradec. / Visita “Della prima scuola albanese”, della “Cattedrale ortodossa “Della risurrezione di Cristo”, “Del vecchio bazar, del “Museo nazionale di arte medievale” a Korca

5 GIORNO Korca – Rehove – Permet (138km)
Prima colazione in hotel. Dopo la colazione in hotel iniziamo il viaggio. Le montagne salgono e scendono e la strada rurale offre magnifici panorami. Qui deviamo dalla strada nazionale per raggiungere il vicino villaggio di Rehova. Lì camminiamo per le strade acciottolate del pittoresco villaggio. La guida e la gente del posto saranno lieti di accoglierci e insegnarci di più sulla vita lì. Pranzo facoltativo in “SotiraFarm agro turismo” (supplemento 20 euro). Nel tardo pomeriggio arriviamo a Permet. Sistemazione alberghiera. Cena libera. Pernottamento in hotel.
– Camminiamo per le strade acciottolate del pittoresco villaggio di Rehova. / Pranzo facoltativo presso l’agriturismo Sotira Farm

6 GIORNO Permet – Gjirokaster – Sarande (118km)
Prima colazione in hotel. Iniziamo la giornata a Përmet e visitiamo la chiesa ortodossa di Santa Maria con le sue straordinarie icone, costruita nel XVIII secolo a Leusa. Questa è probabilmente la chiesa più spettacolare in Albania. Successivamente, guidiamo verso la città di pietre Argirocastro con la sua caratteristica casa di Skenduli, costruita nel 1700, nel periodo ottomano ed è considerata una delle case più belle dei Balcani. Lì troveremo il proprietario che ci racconterà la storia della casa e le difficoltà durante l’era comunista. Devono camminare per circa mezz’ora perché tutte le strade sono fatte di pietra. Nessuna possibilità per il minivan di andarci. Argirocastro a parte gli straordinari valori storici e culturali è indissolubilmente legato al genio letterario, Ismail Kadare, che ha fatto parlare la letteratura albanese in 45 lingue del mondo, presentando l’Albania con la sua storia secolare e cultura. Arrivo a Saranda. Sistemazione alberghiera. Cena libera. Pernottamento in hotel.
– Visita della Chiesa ortodossa di Santa Maria a Permet, la chiesa più spettacolare dell’Albania. / Visita di un altro sito UNESCO, la città di pietra di Argirocastro, la casa di Skenduli.

7 GIORNO Sarande – Butrint – Mussel Tuour – Sarande (48km)
Prima colazione in hotel. Visiteremo l’antica città greco-romana, Butrinto, abitata fino alla fine del Medioevo e dichiarata Patrimonio dell’Umanitàdall’UNESCO. L’antica città di Butrinto (altrimenti nota come Buthrotum nell’antichità), era una volta una delle città più belle di tutto l’Impero Romano. 2.400 anni dopo, è un luogo che affascina ancora oggi. Butrinto doveva diventare un ospizio per i veterani delle guerre romane, ma nel III secolo d.C. un terremoto distrusse gran parte della città. Molte delle rovine che vedi oggi provengono dallo stesso terremoto, e la città è scomparsa dalla mappa dopo. Dopo la visita di uno dei più importanti siti UNESCO in Albania con un archeologo possiamo proseguire con un pranzo facoltativo a Ksamil. Suggeriamo di fare il „‟tour delle cozze‟‟. Questo tour inizia dal Lago di Butrinti dove i clienti saliranno su alcune barche e saranno trasferiti nell’impianto di cozze. Lì possono vedere e partecipare al processo di raccolta, pulizia e preparazione delle cozze per la cottura. Quindi trasferimento in barca a Diaporit (un sito archeologico vicino a Butrinto) in un piccolo ristorante immerso nella natura perfetta. Gustate le cozze cotte con olio d’oliva e limone, accompagnate da un bicchiere di vino bianco. (Supplemento 36 euro/persona) Ritorno in città, godendosi il tramonto. Cena libera. Pernottamento in hotel a Seranda.
– Prossima tappa Butrinto, l’antica città greco-romana, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. / Pranzo facoltativo „‟tour delle cozze‟‟ a Ksamil

8 GIORNO Saranda – Porto Palermo – National Park of Llogara – Berat (209km)
Prima colazione in hotel. Partenza per Berat. Viaggiamo nella parte meridionale dell’Albania sulla riviera albanese che offre panoramiche meravigliose della costa ionica. Quindi sarà una breve sosta a Porto Palermo, dove visiteremo una fortezza ottomana costruita dal famoso tiranno Ali Pasha, che governò queste terre nel XIX secolo. La strada prosegue attraverso il Parco Nazionale di Llogara, dove possiamo fermarci ancora una volta per goderci il panorama e per scattare delle foto meravigliose. Quindi continua il nostro viaggio verso Valona, conosciuta come la città dell’Indipendenza (nel 1912 dagli Ottomani). Arrivo e visita del centro storico della città delle “Mille finestre”, Berat. Cammineremo attraverso i famosi quartieri Mangalemi, la parte musulmana e Gorica, quella ortodossa. Lì possiamo salire alla Fortezza di Berat (Cittadella) e al Museo Onufri, un’escursione morbida dove possiamo trovare le chiese ortodosse, la moschea, le cisterne d’acqua, la statua di „‟Costantino il Grande‟‟. Sistemazione alberghiera. Cena libera. Pernottamento a Berat.
– Visita della fortezza ottomana costruita da Ali Pasha a Porto Palermo. / Visita della città vecchia di Berat, patrimonio dell’UNESCO, dei famosi quartieri Mangalemi e Gorica. / Visita della fortezza di Berat e del Museo Onufri.

9 GIORNO Berat – Tirana Aeroporto (120km)
Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto. Fine dei servizi.

Galleria fotografica